Sicuramente ti sarai imbattuta in queste affascinanti stoffe, che nello specifico sono affascinanti, rappresentano temi campestri e come spesso capita con le cose affascinanti ed evocative hanno una storia interessante, ce la racconta l’architetto Letizia Vittoriano.

Tessuti e tappezzerie donano ai nostri ambienti quel tocco in pi√Ļ che li rendono originali e accoglienti, anche perch√© ogni tessuto ha una sua storia che unisce paesi e culture diverse. Come la¬† ” toile de Jouy”, creata¬† in Francia nel ‘ 700 √† Jouy-en-Josas, ¬†dal quale prende il nome e dove ancora oggi si trova un museo sulla storia di questo ornamentale¬†tessuto.¬†Ma la sua storia comincia Intorno al XVI secolo, quando i mercanti europei iniziarono ad importare dall‚ÄôIndia il “chintz”, un tessuto in cotone dai vivaci disegni a fiorami, pregiato ¬†ma ¬†molto costoso. Per questo iniziarono i tentativi per riprodurlo in Europa e fu cos√¨ che in Francia nacque l‚Äôelegante toile de Jouy .

PicMonkey Collage2Stampe di scene campestri, generalmente di colore nero, bordeaux e blu, ma anche verde, marrone, magenta, senape, su tessuto bianco o avorio, distinguono la toile de jouy.

PicMonkey CollageE’ una stoffa nata per essere utilizzata nell’ arredamento d’interni: tende, rivestimenti di poltrone, copriletti e anche per tappezzeria, ma nel corso del tempo ¬†il suo uso¬† √® stato ampliato anche alla decorazione di oggetti in ¬†ceramica e altri materiali, fino all’abbigliamento.

PicMonkey Collage1

Stilisti comeJean Paul Gaultier, Christian Lacroix e Vivienne Westwood hanno perfino fatto sfilare in passerella abiti in toile de Jouy.

8b5ec5bbed2de856645d597cb95a753c

La pagina FB di Letizia  : Scenari di Stile

Letizia è la referente dei corsi  per la Calabria e la Sicilia, per tutte le info CLICCA QUI